Giulio Meschini

Locandina Giulio Meschini

  • sabato 12 aprile 2014 ore 19:00
  • Chiesa di S. Eligio degli Orefici
  • via di S. Eligio, 7 – -Roma
  • musiche di: Iannarelli – Barrios – Sevriens – Turina – Regondi
  • ingresso libero

Simone Iannarelli 

L’ultimo caffè insieme

American Coffee

 Agustin Barrios Mangorè    

La Catedral
– Lento
– Andante religioso
– Allegretto
– Presto furioso

 Jean Sevriens        

Suite pour Tatyana
– prelude
– ballad
– arpeggio
– berceuse
– movement

Giulio Regondi

notturno op. 19 “reverie”

 Joaquin Turina

Sonata op. 61    

– allegretto
– andante
– allegro vivo

Il più giovane dei compositori presenti nella mia proposta concertistica è Simone Iannarelli. Nei 2 brani tratti dalla raccolta “Italian Coffee” si riconosce già il suo stile e l’amore per la chitarra della quale domina i timbri, con un uso sapiente dei colori e degli effetti, reinterpretato alla luce delle armonie contemporanee. Vicino a Simone ho accostato Agustin Barrios. Siamo di fronte infatti ad un altro chitarrista-compositore maestro dei colori e dei segreti di questa scatola magica che è la chitarra. Sul brano “La Catedral” circola una leggenda sull’ispirazione che avrebbe stimolato l’immaginario artistico di Barrios: – il suono di un registro delicato dell’organo della cattedrale (Montevideo?, Caracas?) contrapposto al caos della città all’esterno corrisponderebbe infatti al contrasto fra l’Andante religioso e l’Allegretto; Lo struggente Preludio fu aggiunto in età più matura completando il brano, che diviene così un meraviglioso trittico.   Con l’olandese Jean Sevriens approdiamo ad un compositore poliedrico e conoscitore di molti stili, dal jazz a Bach e Astor Piazzolla. Dedicataria della suite, Tatyana Rizkhova, deliziosa e talentuosa chitarrista bielorussa e che puo’ vantare “milioni” di click su Youtube distinguendosi per bravura, grazia e disinvoltura. Al 1931 risale la composizione della Sonata op. 61 di Joaquin Turina, meravigliosa perla del repertorio chitarristico nella quale si fondono le melodie della tradizione spagnola con gli influssi degli impressionisti francesi. Commovente testimone del Romanticismo è infine l’arte di Giulio Regondi che con il suo Notturno “Reverie” op . 19 ci conduce in un mondo onirico e fantastico dove grazie all’effetto del “tremolo” si rievoca il bel-canto preparato da una lunga introduzione piena appunto di “fantasia”.

 

 P1080993 P1080995 P1080997 P1090005 P1090007 P1090010 P1090012 P1090013 P1090018 P1090020 P1090021 P1090030 P1090035 P1090037